Home / Uncategorized / L’incidente di Michele Bravi e l’opinione del fratello della vittima

L’incidente di Michele Bravi e l’opinione del fratello della vittima

Il 24 Novembre Michele Bravi si è trovato coinvolto in una terribile vicenda.

Infatti, il vincitore della settima edizione di X-Factor, è stato protagonista di un incidente stradale, nel quale purtroppo Rosaria Colia ha perso la vita.

Il cantante, rischia fino a 7 anni di carcere, accusato di omicidio stradale, nonostante sia risultato negativo sia ai test della droga che a quelli dell’alcool.

In un’intervista a Libero è intervenuto Enzo Colia, il fratello della vittima; attraverso le sue parole ha fatto trasparire tutto il suo dolore:

Possiamo capire come stia lui in questo momento, è normale. Però noi che dovremmo dire del nostro dolore? Eravamo una famiglia estremamente unita. Ha distrutto ben più di una famiglia”

L’uomo sostiene di non portare rancore nei confronti del cantante, ma solo dolore per la perdita della sorella.

A dare la notizia dell’incidente era stato proprio Michele, che attraverso il suo legale Manuel Gabrielli aveva lasciato una dichiarazione nella quale si dimostrava profondamente addolorato per quanto era successo.

Si era dimostrato poi fiducioso nel lavoro che avrebbero fatto i giudici, verso i quali nutre il più profondo rispetto, e poi confidava nel fatto che avrebbero determinato nel più giusto dei modi a chi spettava la responsabilità del sinistro.

Il discorso del fratello di Rosalia continua così: Noi non chiediamo niente. Non ci interessa se gli danno uno, cinque o vent’anni di galera. Non gli portiamo nemmeno rancore, ma è possibile che dopo sette giorni abbiano trovato il tempo, lui e il suo staff, per un comunicato divulgato su giornali e social, e non cinque minuti per una chiamata?”

Stando ad una prima ricostruzione riguardo alla dinamica dell’incidente, Michele avrebbe compiuto un’inversione a U in un punto della strada dove questa manovra non è permessa.

L’avvocato difensore di Bravi ha cercato di smentire questa teoria, dichiarando invece che Michele avrebbe compiuto la svolta a sinistra per entrare dentro un passo carraio.

La famiglia della vittima però non crede a questa versione dei fatti.

È falso, i rilevamenti dicono altro, la macchina era in mezzo alla corsia e il passo carraio a cui allude l’avvocato porta ad un box, non ad un’abitazione”. Non c’erano segni di frenata, era una manovra continua quella che aveva iniziato. Non siamo qui per fare polemica, ma è il nostro sentimento e non accettiamo quanto detto dal suo legale. Esigiamo rispetto per nostra sorella, e che non ci vengano a dire che la manovra fatta da Bravi sia diversa dagli accertamenti dei vigili”, queste le parole del fratello.

Foto it.notizie.yahoo

About Emanuele

Check Also

La signorina buonasera Nicoletta Orsomando compie 90 anni

La signorina buonasera Nicoletta Orsomando compie 90 anni

Già dal 1953 Nicoletta Orsomando era signorina buonasera nelle trasmissioni alla televisione. Il suo primo …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *